Apicoltura Dentro Le Mura……

Qualcuno potrebbe pensare a quell’apicoltura, di recente scoperta, che si faceva dentro i muri di caverne abitate da civiltà antiche ma in realtà vorrei raccontare l’esperienza di un’apicoltura praticata dentro una struttura che è parte integrante della nostra civiltà moderna: “il carcere”. 

Quando dieci anni fa il mio maestro di apicoltura, Prof. Vincenzo Stampa, mi propose di fare una serie di incontri dentro la Casa Circondariale Pagliarelli di Palermo, le prime domande che gli feci furono “su cosa e a chi”. Dovevo incontrare dei detenuti e parlare loro di apicoltura a 360 gradi dentro il cuore dell’Istituto di pena. Io avevo già la mia esperienza nella formazione in apicoltura, avevo fatto corsi a bambini di scuola, a ragazzi diplomati e alta formazione a laureati. Quando mi venne fatta la proposta di organizzare un corso di apicoltura a persone in regime di detenzione, senza pensare all’impostazione dell’attività didattica, come in genere ero propenso a fare prima di ogni nuovo percorso formativo, fui attraversato subito da un senso di preoccupazione per l’idea di un posto particolare che allora non conoscevo minimamente e a cui non avevo mai pensato di poter accedere per motivi lavorativi. Chi di Voi non ha mai pensato o detto “spero di non finire mai in galera”, io ero uno di quelli!

tavolomiele

Se oggi racconto brevemente dieci anni di esperienza sulla mia attività di “Professore”, come mi chiamano in genere i “detenuti”, è perché ho fatto, come tutti, tante esperienze in dieci anni di vita, ma una parte di queste esperienze sono parte di questa esperienza specifica di Docente di Apicoltura dentro la Casa Circondariale, e oggi forse non sarei così certo nell’affermare di non voler andare mai in galera.

Spesso si dice che una visitina nei reparti di ospedale dove la gente soffre non farebbe male a molte persone che spesso dimenticano il vero senso della vita; bene, io aggiungerei anche una visitina dentro un carcere perché chi nella vita è tentato spesso a fare il passo più lungo della gamba ci ripensi cercando di rispettare se stesso e il prossimo.

Tornando all’apicoltura vorrei poter affermare da persona assolutamente di parte che il vero professore di questo percorso formativo è l’ape, un piccolo insetto meraviglioso che tanto ci può insegnare sulla operosità, sulla coesione, sull’organizzazione della società in cui vive. Forse la città delle api è un modello a cui dobbiamo tendere per migliorare la nostra società che molti chiamano civile ma che molto deve lavorare per diventare tale.

Scarica il resoconto del progetto: Apicoltura dentro le Mura

Fai-Sicilia-web



I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l`utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni sulla politica dei cookie su privacy policy.

Io accetto i cookie di questo sito.

EU Cookie Directive Module Information