Aggiornamento dei protocolli di lotta alla Varroatosi

Quello-che-uccide-la-varroa-Il Ministero della Salute ha emesso, in data 01 luglio 2016, una nota che ha per oggetto “aggiornamento dei protocolli di lotta alla Varroatosi” muovendo dalla seguente motivazione “Per fare fronte a questo parassita, uno degli strumenti ancora disponibile è la programmazione dei trattamenti, con l’obbiettivo di sincronizzare gli stessi in tutti gli apiari presenti di una determinata area territoriale”. Non possiamo non essere d’accordo su una prassi che per noi è abituale

 Ci permettiamo di ricordare che, in anni remoti, a partire dal 1987, in provincia di Trapani su iniziativa dell’allora vigente Associazione Provinciale la Regina e con il convincimento degli apicoltori associati, abbiamo adottato, motu proprio, un piano territoriale, sotto la regia del consiglio dell’associazione, che ci ha permesso di controllare senza danni il parassita varroa.

Da allora di strada se ne è fatta tanta attraverso diverse fasi, sempre in modo coordinato, dalla lotta chimica a quella biomeccanica di Michele Campero accoppiata ad un trattamento con acido ossalico, fino all’adozione generalizzata dello Spazio Mussi.
Questa filosofia è stata successivamente travasata, sic et simpliciter, in FAI SCILIA e la possiamo considerare come patrimonio culturale degli apicoltori associati.
Il ministero dovrebbe essere in possesso di dati statistici sulla infestazione da varroa negli apiari degli apicoltori associati a FAI SICILIA, dati rilevati nell’ambito del progetto Beenet; in caso contrario siamo pronti a fornirli.
 

Riguardo alla metodologia di esecuzione dei controlli ed in particolare in riferimento ai controlli documentali occorre ricordare che, pur essendo in possesso dei regolamentari registri, gli apicoltori, sempre più numerosi, che adottano lo Spazio Mussi® non hanno nulla da registrare.
Invece l’esperienza ci suggerisce di dare più importanza all’esecuzione del controllo clinico, molto più significativo, attraverso un metodo semplice, efficace e altamente collaudato, il metodo dello zucchero a velo, eseguibile in modo randomizzato  anche da chi non è apicoltore. 
In merito alla formazione del personale Veterinario, auspicato dal Ministero, vogliamo qui ricordare che tra le azioni possibili in forza del Reg CE 1234/07 e del successivo 1308/13 c’è anche la possibilità di attivare la misura “Formazione e aggiornamento dei pubblici dipendenti” che potrebbe essere compito, ad esempio, degli Istituti Zooprofilattici. Il Ministero pone l'accento sulla informazione/formazione degli apicoltori demandando il compito alle associazioni dei produttori e si dimentica delle associazioni di apicoltori pure e semplici, molto più numerose e presenti sul territorio nazionale.

In questo ambito il Ministero si pone il problema con quali fondi attuare le direttive  del Reg. Ce 852/2004 ?

 Alla nota del Ministero è allegato il documento “Linee guida per il controllo dell’infestazione da Varroa Destructor” un compendio farmacologico ad uso di chi, dopo trentasei anni di sostanziali delusioni, ancora testardamente si accanisce nella lotta chimica alla varroa.

D’altronde implicitamente lo stesso Ministero, in apertura, lo dice che siamo all’ultima spiaggia “Per fare fronte a questo parassita, uno degli strumenti ancora disponibile è la programmazione dei trattamenti con l’obbiettivo di sincronizzare gli stessi in tutti gli apiari presenti di una determinata area territoriale”.
Ma se con lo stesso criterio di “lotta territoriale”, che riteniamo per esperienza efficace, si consigliassero o imponessero esclusivamente metodi di lotta biologica, declinata nei suoi diversi aspetti, non otterremmo lo stesso risultato con minori violenze sulle api e maggiore salubrità dei prodotti dell’alveare?
E’ un quesito che giriamo a chi ha il compito di decidere per tutti ma non ci sembra che ascolti tutti con la stessa attenzione.

 Nota del MinSalute               Centro di referenza nazionale - Linee guida 

 

FAI SICILIA – Federazione Apicoltori Italiani 

Via Mario Rapisardi 9  , 90144 PALERMO 

Posta elettronica :   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

Web : www.sicilia.federapi.biz

FB: corsi apicoltura

FB: faisicilia

FB: faisicilia sez Catania 

 

 

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l`utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni sulla politica dei cookie su privacy policy.

Io accetto i cookie di questo sito.

EU Cookie Directive Module Information